Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 05/01/2011 @ 13:47:27, in Poesia, linkato 1139 volte)


‘O masto curniciaro

 

Quanta gente dice ch’è ccurniciaro,

senza ca sape mettere nu chiuovo!

Gente ca, pe mmestiere, è ssapunaro,

ca manco sape cocere, ch’è n’uovo!


Aiere, aggio purtato nu quatrillo

a nu “masto” ‘e curnice ca canosco,

nu quatro ‘e poche sorde, ma bbellillo,

ca ‘e ll’arta soia, sempe ha parlato tosco.

 

Stu quatro, ca speravo di valore

doppo misa ‘a curnicia cunzigliata

‘a chistu grande artista curniciaro,

 

è addeventato quequero e scriato;

doppo ‘a curnicia misa ‘a stu signore,

nu’ ll’ha vuluto manco ‘o sapunaro!

 

                         

Ncazzato e arraggiato pe stu “pacco”,

aggio purtato ‘o quatro addo Marciano,

ca m’ha cunzulato ‘a chistu smacco

cu na capa curnicia ‘e primma mano.

 

Ve dico a vvuie, na vera opera d’arte,

ch’ha ncurniato ‘o quatro na bbellezza;

n’opera ‘e ggiugliere, ‘e na gran sarta;

e, mo, stu quatro vale na ricchezza.

 

Ve dico a vvuie, l’amico che ll’ha avuto,

avero c’è rrestato ncannaruto.

“’O voglio, embè, canoscere a st’artista,

 

ca tene, dint’ê mmane, st’arta antica

a ffa’ curnice comm’a na mudista

ca fa sciccosa na vaiassa ‘e vico”.

 

Giovanni D’Amiano


Giovanni D'Amiano è nato a Volla e vive a Torre del Greco. Ha esercitato la professione di medico pediatra, e si è sempre interessato di poesia e di pittura. Più volte premiato come poeta, ha esposto in varie mostre di pittura personali e collettive.
D'Amiano ha pubblicato: Più del pane alla bocca (1981), Occhi arrossati (1997), Un'ombra lunga (2005), L'anguria (2010); è presente nel volume collettaneo di poesie in vernacolo napoletano 'N'anticchia 'e Napule
(1997)
 
Di Admin (del 10/08/2009 @ 12:46:20, in Poesia, linkato 1194 volte)
Felicità!
Vurria sapé ched'è chesta parola,
vurria sapé che vvò significà.
Sarrà gnuranza 'a mia, mancanza 'e scola,
ma chi ll'ha ntiso maje annummenà.

.
di Antonio De Curtis

Marciano Arte rende omaggio a Totò, il più grande artista napoletano di tutti i tempi, pubblicando alcune delle sue poesie.
 
Di Admin (del 26/05/2009 @ 19:30:00, in Poesia, linkato 2553 volte)
{autore=calibe giustino}Giustino Calibè è un artista completo. Qui propone ai visitatori di marcianoarte.com due poesie presentate alla mostra "Di-segno poetico" alla Modart Gallery.


olio su tela 100 x 100 cm del 2005 (collezione Marciano Arte)

STELUS
Sta con me vera lus.
Nulla a te similio,
nulla egualito.
Suspiria bradipi,
e baci estensili.
Sospeso tempore
amore eternita.


... "Pittore e poeta raffinato, non nuovo a risultati di grande lirismo, Giustino Calibè offre delicate immagini muliebri dalle enormi teste e i tratti umanoidi come immersi in una nebbia primordiale; profili ora inquieti e inquietanti , ora stranianti e sempre affascinanti per le forme che li definiscono e per gli accostamenti dei clori sempre a contrasto".  (da un articolo di Paola de Ciuceis de "Il Mattino" - 12/05/2009)


olio su tela 190 x 190 cm del 2007 (collezione Marciano Arte)

FLORLUS
Te canto in flores forma
rosaperlaceo tu petalo
permaliante, odoriente, ninfa.
Estrabilia immensa.
Colora di giallo la vita.
Impollina e feconda.
Ridonami turgore,
linfami d'afflato d'estasi.
Dai tuoi occhi iridei
e luminosi, lampibalenami,
in codici misterici, bramifollie,
messaggi eburnei o sessuate note.
Dammi, vaporosa l'essenza tua.
Nutri chi astiene dal primordio
e aspetta finché sarà lus.
 
Pagine: 1