Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 13/02/2010 @ 10:30:58, in dBlog, linkato 1287 volte)

L'inizio del 2010 segna una ripresa del mercato internazionale dell'arte. Da New York a Londra sono tornati a comprare i collezionisti, i mercanti e gli art advisor. Tutti i comparti dall'Antico al Moderno e al Contemporaneo, sono andati bene, merito anche di cataloghi delle case d'asta molto più selezionati e più asciutti. Gli invenduti sono stati bassissimi e molti artisti, soprattutto gli italiani da Fontana a Manzoni, Bonalumi, Castellani e Dorazio, hanno riguadagnato quota. In asta ha vinto la qualità dell'offerta.
(tratto da: http://www.arteconomy24.ilsole24ore.com)
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 04/02/2010 @ 10:08:36, in Arte News, linkato 6078 volte)
{autore=cortiello mario}


Autore: MARIO CORTIELLO (1907 - 1981)
Titolo: ISCHIA PORTO
Tecnica e superficie: OLIO SU TELA
Dimensioni:  50 x 60 cm
Anno:  1967

 L'opera è firmata e datata Mario Cortiello 1967 in basso a sinistra.

MARIO CORTIELLO  (Napoli, 1907San Sebastiano al Vesuvio, 1981).

Pittore a ponte fra le spinte di rinnovamento e i richiami della tradizione, Mario Cortiello ha provato a conciliare queste opposte tensioni, riuscendo spesso a risolverle felicemente. Dotato di fertile invenzione e di notevole capacità rappresentativa, ha lasciato una produzione ricca e varia. “Tra appunti cromatici e narrazioni fantastiche Mario Cortiello raggiunge un surrealismo chagalliano che spesso va al di là di ogni pittorica immaginazione per approdare a quelle favole mediterranee, a quel mondo già nostro vissuto tra mito e leggenda”. (Salvatore Di Bartolomeo)

 “Tutti i quadri di Cortiello raccontano fasti, storie e miraggi della immortale maschera del teatro dell’arte (Pulcinella). E non si tratta del contaminato e snervato Pulcinella ottocentesco, bensì del Pulcinella classica capocomica di un balletto sull’orifizio di un inferno, personificazione della fame, spirito esplosivo a livello istintivo, di una grandiosa amoralità. Sulle fantastiche, movimentatissime, persino forsennate scene di Cortiello, egli non compare da solo ma in compagnia di innumerevoli scatenati gemelli a cui per la verità mancano l’abiezione, il servilismo e la grassa volgarità dei progenitori secenteschi. E infatti i suoi dipinti esprimono una grande libertà di spirito, una gloriosa carica di fantasia, un fondo di complessivo ottimismo. Proprio tutto ottimismo? No. Queste pazze sagre, raccontate da un pennello guizzante ed estroso, sono troppo trionfali e felici per poter essere vere o quanto meno accessibili a un possibile sogno”. (Dino Buzzati)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 27/01/2010 @ 19:15:24, in Arte News, linkato 3469 volte)
{autore=biondi nicola}


Autore: NICOLA BIONDI (1866 - 1929)
Titolo: LA TROTTOLA
Tecnica e superficie: OLIO SU TELA
Dimensioni:  25,5 x 32,5 cm

 L'opera è firmata N. Biondi in basso a destra. Un'opera simile dal titolo "La trottola" è pubblicata in bianco e nero a pagina 23 sulla monografia "L'arte di Nicola Biondi" di Alfredo Schettini edizione Editorialtipo, Roma 1971.

NICOLA BIONDI
  (Capua, 1866 – Napoli, 1929).

Alieno al formalismo accademico imperante all'epoca, ma non indifferente alle esperienze delle scuole napoletane di Posillipo e Resina, disegnò,dipinse, sperimentò senza tregua e con ogni tecnica, olio, carboncino, seppie, tempera, pastello, rappresentando quella natura tanto amata, la figura umana, i bambini, in chiara e vigorosa espressione naturalistico - impressionista. 

Esordì giovanissimo nel 1883 alla Promotrice di Belle Arti Salvator Rosa. Una sua opera, "l'ora del pasto" nell' '85 fu acquistata dal Re Umberto I, ed un'altra "Bacco fanciullo" fu premiata al Salone di Parigi. Le "Ombre cinesi" presentata nel 1906 alla Mostra internazionale d'arte di Milano fu acquistata dal Bey del Cairo. Partecipò con successo alle maggiori rassegne in Italia ed all'estero, Parigi, Pietroburgo, Monaco. Grande rilievo ebbero la retrospettiva personale dell'aprile 1930, del 1943 a Roma, insieme al figlio Paolo ed ancora a Roma nel 1971 unitamente a Pietro Scoppetta. Presente, con inalterato consenso, alla Mostra dell'arte nella vita del Mezzogiorno d'Italia, Roma, palazzo delle Esposizioni, 1953, della pittura napoletana del secondo ottocento, Napoli, 1958 ed altre.

Schivo, eppur compagno di noti artisti coevi, Casciaro, Pratella, con essi dal suo eremo al Vomero inseguì  disperatamente quel verde, quei colori, quella luce che la dilagante urbanizzazione andava travolgendo. Visse d'arte, partecipò con successo alle più importanti Rassegne dell'epoca. Sue opere adornano il Salone della Banca d'Italia di Campobasso ed, insieme ai più famosi Maestri dell'epoca, le sale del Caffè Gambrinus di Napoli. Numerosi i riconoscimenti, ad onta della sua ritrosia, ultimo la cattedra di  pittura dell'accademia di BB.AA di Napoli, cui solo la morte oppose remora....

fonte: (http://galleriaartebiondi.it)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 27/01/2010 @ 11:07:16, in Arte News, linkato 1240 volte)


1)   Nasce la rubrica “Il quadro della settimana”. Qui Marciano Arte ogni settimana circa proporrà la novità della galleria, presentando ai propri affezionati visitatori l’opera inedita della sua collezione in vendita.

2)   Nuovo sondaggio nella Homepage del blog: quale argomento trattato da marcianoarte.com trovi di maggiore interesse tra le Cornici, le Stampe Antiche, l'Arte “Figurativa” o "Alternativa" Napoletana del Novecento, le Arte News, la Consulenza On-Line e il Blog? Le tue risposte aiuteranno a migliorare il nostro portale internet secondo le tue preferenze.

3)   Il sito imaginepaolo.com invita a votare il sito più interessante tra quelli proposti. Se vuoi votare marcianoarte.com trovi il bannerino “Vote for me” in alto a sinistra nella nostra homepage, oppure cliccando qui. Grazie
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
{autore=villani gennaro}

Allievo di tre grandi maestri, Esposito, Volpe e Cammarano, Gennaro Villani ha insegnato pittura prima all’Accademia di Belle Arti di Lucca e poi a quella di Napoli. A Villani non è mancato neppure un proficuo soggiorno a Parigi, nel quale ha modo di affinare non poco le sue doti di colorista sensibile e raffinato. Questo senza mai venir meno al richiamo del paesaggio e della luce di Napoli, alla cui rappresentazione dedicherà il meglio della sua attività. 

 

Dopo essersi inizialmente rifatto alla maniera del proprio maestro Antonino Leto (che gli mediò anche il quasi esclusivo amore per l'isola di Capri), Felice Giordano si conquistò una propria cifra espressiva, con riferimenti da Pratella a Irolli. Firma assai ricercata a Napoli e anche sul mercato nazionale, dove le sue impegnative prove paesistiche (Capri, Napoli, Venezia, Parigi, e l'Umbria), le nature morte marinare di spigole, cozze e polpi, incontrano piacevole assorbimento a prezzi compresi tra i 2.000 e i 7.000 euro; possono superarli i quadri di maggiore impegno: soprattutto alcuni animati, vivaci, vibranti notturni urbani, tra le cose più tipiche ed efficaci della sua produzione.


Il fatto che spesso un’opera venga indicata indifferentemente come gouache o tempera non deve essere oggetto di meraviglia o scandalo, perché con la prima definizione si suole indicare soltanto una variante della pittura a tempera. La tecnica della pittura a tempera consiste nello sciogliere nell’acqua invece che nell’olio i colori ricavati dalla macinazione di alcune terre, e nel farli agglutinare mediante l’aggiunta di colle di origine animale. Si adotta la tecnica del guazzo quando al posto delle colle di origine animale vengono usate alcune varietà di gomme, quali quella arabica o la gomma-lacca.  La suddetta distinzione potrà risultare grossolana anche perché ogni pittore aveva una sua ricetta, ora aggiungendo del miele, ora del bianco d’uovo o del lattice di fico ai componenti di base.


Per Scuola di Posillipo si intende un gruppo costituito da vedutisti e paesisti, in gran parte allievi dell’olandese Antonio Pitloo, che nel terzo decennio dell’Ottocento si riunirono a Posillipo dove, con deliberato rifiuto dei canoni accademici della pittura neoclassica, instaurarono la consuetudine della pittura all’aria aperta, a diretto contatto con la natura, e dipinsero quadri caratterizzati da notevole freschezza e vivacità. Del gruppo fecero parte: Luigi e Salvatore Fergola, Raffaele Carelli, Achille Vinelli, Gabriele Smargiassi, Teodoro Duclére e Consalvo Carelli, ma la personalità dominante fu Giacinto Gigante che, con le sue interpretazioni liriche e soggettive del paesaggio, segnò il passaggio dalla veduta documentario-topografica a quella “poetica”.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 



Noi di MARCIANO ARTE appoggiamo l'associazione ALMA MUNDI perché conosciamo direttamente questo gruppo di persone e abbiamo potuto constatare il loro quotidiano e concreto impegno. Speriamo tu possa fare come noi con una piccola donazione o cedendo loro il tuo 5 per 1000. Di seguito la loro presentazione: "Siamo un gruppo di persone che condividono un sogno, un ideale, quello di lottare contro l'indifferenza sempre più diffusa e generalizzata ad ogni livello e senza più alcuna distinzione. Persone che hanno deciso di rinunciare ad una piccola parte del loro egoismo, dedicando qualcosa del loro tempo e delle risorse per un progetto sano e umanitario. Aiutare gli altri a crescere, a sorridere, perché pensiamo che crescere da soli mentre intorno a noi, altri uomini si umiliano, tra degrado, sofferenza e indifferenza sia una perdita per l'intera umanità. Perché pensiamo che crescere i nostri figli, in un mondo di miseria e di squallore non sia progresso e non sia civiltà. Perché pensiamo che non vi è alcun merito nel godere di una vita di agi e ricchezza, resistendo compassati e indifferenti innanzi alle lacrime e all'ingiustizia". Per ogni tua liberalità e donazione: Associazione Alma Mundi O.N.L.U.S. C.F. 95074960634 Via A. Scarlatti n. 209/G - 80127 - Napoli - Italy - Tel/pbx +39/081.5585028 Coordinate bancarie dell'associazione: CREDEM AG. 9 - NAPOLI/ ABI 03032 - CAB 03413 - C/C N. 3563 - O.N.L.U.S. ALMA MUNDI. www.almamundi.it
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 12/12/2009 @ 10:48:11, in Presepi e pastori antichi, linkato 6114 volte)


La collezione Marciano Arte si arricchisce di cinque antichi pastori napoletani: il Mandraro, il Caratterista, la Madonna, San Giuseppe, Santa Maria Francesca delle cinque piaghe (?).

1. Mandraro: '700 Napoletano. Arti in legno, abiti del secolo XIX. Altezza 48 cm
 
 


2. Caratterista: '800 Napoletano. Arti in terracotta, viso policromato. Rivestito. Manca di un dito. Altezza 35 cm




3. Madonna: fine '700 inizio '800 Napoletano. Arti in legno, abiti coevi, stellario d'argento dorato coevo. Altezza 35 cm




4. San Giuseppe: metà '800 Napoletano. Arti in legno, viso di terracotta policroma, abiti di seta coeva. Altezza 33 cm




3. 4. La Sacra Famiglia, mancante del Bambino Gesù è poggiata su una base di legno ovale del secolo XIX

 


5. Santa Maria Francesca delle cinque piaghe (?) (o Monaca Santa di Vico 3 Re a Toledo): fine '700 inizio '800. Arti in legno, vestito e ornamenti coevi. Altezza 39 cm  

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 07/12/2009 @ 19:35:29, in Presepi e pastori antichi, linkato 4496 volte)
{autore=marciano antonio}


Solitamente per presepe si intende la ricostruzione tradizionale della natività di Gesù Cristo durante il periodo natalizio. I presepi di Marciano Antonio sono delle vere e proprie opere d'arte da esporre tutto l'anno. Caratteristiche dei suoi presepi sono:
1) la scelta scenografica mai banale, sempre inedita e degna ricostruzione di ricercate architetture;
2) la cura del dettaglio, ogni centimetro quadrato lavorato con precisione quasi iper-realista;
3) la visuale a 360 gradi, il presepe va ammirato in ogni sua angolazione, fronte, lati, retro;
4) la scelta delle materie prime, quasi sempre preziose come corallo, turchese, madreperla, oro, argento, ecc

Nella nostra galleria si possono ammirare tre presepi dell'artista.

1) Natività eseguita nel 2004. In questo presepe, per la scena sono stati usati: turchese, madreperla, argento e pietra lava del Vesuvio; i pastori, invece sono in pasta di turchese. Il presepe è sotto campana di vetro con base circolare di diametro 18 cm e altezza 32 cm.




2) Presepe eseguito nel 2009 con legno, ottone su base ovale sotto campana di vetro. 60 x 40 x 28 cm. Qui lo vediamo in tre foto: fronte, retro e lato sinistro.








3) Presepe di corallo eseguito nel 2007. In questo presepe, per la scena sono stati usati: corallo rosso, corallo bianco, corallo rosato, oro, ottone, pietra lava del Vesuvio su una base di oro zecchino del XIX sec; i pastori, invece sono in corallo e vestiti con accessori in oro, rubini e tartaruga. Misura 42 x 59 x 36 cm. Qui lo vediamo in 2 foto.





Diplomatosi in incisione presso l’Istituto d’Arte, Antonio Marciano ha collaborato con i più importanti laboratori di lavorazione del corallo di Torre del Greco. Nel 1996 è il presidente della commissione del concorso “Presepe in famiglia”, organizzata dall’associazione culturale “Il Perseo” il cui presidente è Ciro Adrian Ciavolino. Tra la fine del 1999 e l’inizio del 2000 partecipa alla mostra “Città d’arte e artigianato” a Villa del Cardinale sempre a Torre del Greco. Un anno dopo espone a Frattamaggiore, alla “IV Mostra dell’arte presepiale” organizzata dall’associazione nazionale “Amici del presepe”. Ancora, tra il 2003 e il 2004 prende parte alla mostra del presepe di San Giorgio a Cremano presso Villa Bruno. I suoi presepi sono delle vere e proprie opere d’arte, la cui lavorazione è arricchita spesso da materie e pietre preziose come il corallo, il turchese, la madreperla, l’oro, l’argento, ecc.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
{autore=lippi raffaele}


Raffaele Lippi, "Figura", tecnica mista su cartoncino 70 x 50 cm del 1968

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
delisio  


  1. Gaetano Bocchetti. Olio su tavola 30x40 cm. Firma in basso a sinistra. Firma sul retro.
  2. Rubens Capaldo. "Nudo accovacciato", tecnica mista su carta 100x58 cm del 1972. Firma e data in basso a destra.
  3. Rubens Capaldo. "Nudo disteso", carboncino su carta 48x66 cm del 1970. Firma e data in basso a destra.
  4. Renato Criscuolo. "Maternità", tecnica mista su cartoncino 50x35 cm. Firma in basso a destra. 
  5. Armando De Lauzieres. "Ciabattino", olio su tavola 50x40 cm del 1975. Firma in basso a destra. Firma e data sul retro.
  6. Arnaldo De Lisio. Olio su tela 66x54 cm. Firma in basso a destra.
  7. Ornella De Martinis. "Tra terra e cielo". Dittico. Tecnica mista su tavole 24,5x19,5 cm del 2009. Firma, titolo, caratteristiche e data sul retro.
  8. Paolo Iacomino. "Percorso". Bronzo, 1 di 5 esemplari. 55x48x16. Firmato sul lato destro della base.
  9. Vincenzo Laricchia. "Parigi". Olio su tela 45x60 cm. Firmato in basso a destra. Firma e timbro sul retro.
  10. Raffaele Lippi. "Figura". Tecnica mista su cartoncino di 70x50 cm del 1968. Firma e data in basso a destra.
  11. LuCa (Luigi Castellano). "The copper moon in grey. Trans-o type". Vernice su tela 50x35 cm del 1977. Firma e data in basso a destra. Cartiglio Atelier LuCa sul retro. 
  12. Francesco Manes. Acrilico su tela 60x80 cm del 2008. Firma e data sul retro.
  13. Carlo Montarsolo. "Il sole dietro i fichi d'india". Tecnica mista su carta applicata su cartone 50x68 cm del 1965. Firma in basso a destra. A tergo firma, titolo e timbro Prima Triennale dell'Adriatico, Civitanova Marche, 1965.
  14. Francesco Verio. "Testa su fondo blu". Olio su tela 18x13 cm. Firma in basso a sinistra. Firma e titolo sul retro.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
{autore=zollo giuseppe}
L'artista napoletano Giuseppe Zollo, in permanenza da Marciano Arte galleria, è in copertina sulla rivista specializzata "è:ikon", trimestrale d'arte, e all'interno, a pagina 9, vi è un bellissimo articolo di Monica Martins. La giornalista ne presenta alcuni dipinti, una poesia e nella sua recensione intitolata "Tutti i sensi", definisce Giuseppe Zollo come artista "romantico informale", che per me racchiude in due parole l'essenza della sua arte.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25